1

Cremazione

Cremazione salma

Dopo le esequie, il corteo funebre viene accolto al tempio Crematorio dove ha luogo la cerimonia di commiato.  Il feretro, al termine della cerimonia, con lo stesso carrello cerimoniale viene trasferito dalla sala del commiato direttamente nell'area tecnica e introdotto nel forno crematorio o nelle celle frigo, dove vi rimarrà sino al momento della cremazione.


Sul feretro, oltre alla targhetta con il nominativo e le date di nascita e morte, vi è una medaglia in materiale refrattario con il codice numerico che viene applicata al momento del commiato. Questa medaglia rappresenta il sistema identificativo non termodeperibile utilizzato dalla Società L'Araba Fenice Srl. Il codice numerico è comunicato alla famiglia al momento del commiato con una lettera  dove sono riportati anche il giorno e l'ora della consegna ceneri prevista. La medaglia applicata all'esterno del feretro al momento dell'arrivo al Tempio Crematorio che lo accompagna durante tutte le fasi della cremazione verrà successivamente consegnata alla famiglia, (che se vorrà potrà conservarla) al momento della consegna dell'urna contenente le ceneri.  La cremazione avviene sulla base di una programmazione che viene effettuata rispettando rigorosamente l'ordine cronologico di arrivo della salma e dell'autorizzazione alla cremazione emessa dal Comune dove è avvenuto il decesso.  La Società L'Araba Fenice Srl di Carpanzano (CS) generalmente effettua le cremazioni subito dopo la cerimonia del commiato o entro un giorno feriale o festivo dall'arrivo del feretro e della indispensabile autorizzazione.


Tutte le fasi del processo sono monitorate e la Società L'Araba Fenice Srl garantisce il rispetto della dignità del defunto in ogni momento.  Ogni cremazione avviene singolarmente introducendo nell'impianto il feretro di legno integro e sigillato come consegnato al Tempio Crematorio. Il processo di cremazione è automatizzato e monitorato informaticamente dal programma di gestione degli impianti. Tale gestione dell'impianto, congiuntamente all'utilizzo di procedure di controllo molto severe, non consente manipolazioni o errori di identificazione. Gli impianti in dotazione all'Araba Fenice Srl di Carpanzano (CS) sono alimentati a gas metano e il processo dura in media circa un'ora e mezza.  Il processo si conclude con la polverizzazione delle ceneri come previsto dalla normativa vigente. Le ceneri vengono raccolte in un apposito sacchetto in dotazione alle urne dell’Araba Fenice Srl sono già dotate di sacchetto) che viene collocato nell'urna cineraria. Il sacchetto e l'urna vengono sigillati, in presenza dei familiari, nei modi previsti dalla normativa vigente, nella "Cerimonia della consegna" che avviene nella Sala della Memoria.


La consegna dell'urna cineraria avviene il giorno ed all'ora comunicata all'avente titolo al dell'arrivo della salma al Tempio crematorio. Solitamente la consegna delle ceneri avviene entro due ore dopo la cremazione o il giorno successivo alla cremazione. All'esterno di ogni urna cineraria sono riportati i dati identificativi del defunto, all'interno vi è la medaglia refrattaria.


Cremazione di resti mortali e di resti mineralizzati

L'Araba Fenice Srl effettua il servizio a seguito di esumazione ed estumulazione e della relativa autorizzazione alla cremazione. Si definiscono resti mortali gli esiti dei fenomeni cadaverici trasformativi conservativi risultanti dalla incompleta scheletrizzazione di un cadavere, decorso il periodo di ordinaria inumazione o tumulazione, pari rispettivamente a 10 e 20 anni. Si definiscono mineralizzati i resti che hanno completato il processo di scheletrizzazione   cfr. le normative in materia/D.P.R. 254: "Decreto del Presidente della Repubblica n.254/2003 ). Il servizio avviene nell'espletamento delle stesse procedure previste per la cremazione delle salme. Anche per i resti la cremazione avviene singolarmente e con l'utilizzo della medaglia refrattaria assegnata.


Cremazione parti anatomiche

L'Araba Fenice Srl effettua il servizio di cremazione di parti anatomiche riconoscibili, ossia arti inferiori o superiori e le parti di essi (cfr. art. 3 del D.P.R. 254: Decreto del Presidente della Repubblica n.254/2003 ). Le parti anatomiche sono inviate direttamente dagli ospedali/A.S.L. al Tempio Crematorio previo consenso dell'avente titolo. Ad avvenuta cremazione, verbalizzata come previsto dalla normativa vigente, le ceneri sono conferite nel cinerario comune di provenienza o consegnate all'avente titolo.